mercoledì 18 aprile 2018

RICOMINCIO DA ME

Non sono una scrittrice,non ne ho la capacità né la tecnica, non sono una giornalista, capace di argomentare, per lo meno, circa la propria vita, tanto meno una narratrice capace di raccontarsi. Sono una scribacchina e per tale, chiedo umilmente scusa, a chi fa questo lavoro ma nella mia mediocrità cercherò di ringraziare tutte quelle persone che in questi ultimi mesi mi stanno seguendo e leggendo ogni mio post, in un modo o nell’altro mi state vicino e mi incitate a continuare a scrivere.
Devo ringraziare LOrenzo, il mio ragazzo,l’unico successo vero che la vita mi ha donato e che mi è stata vicino nei momenti belli e brutti, con le sue argute critiche e i sui preziosi suggerimenti ma soprattutto con la sua presenza e il suo amore mi incita a farmi cambiare obbiettivo di vita.
Devo ringraziare NIno,il mio cagnolino, che con la sua paziente compagnia e immensa dolcezza, mi sprona ad alzarmi presto la mattina e a fare cose che forse, senza di lui non avrei mai fatto.  
Devo ringraziare Tutte quelle persone che non mi hanno mai lasciata sola e che a loro modo, mi sono state sempre vicine e mi hanno donato momenti di gioia e di riflessione. 
Devo ringraziare mio padre,che con il suo amore paterno ,cortesia e affettuosa amicizia,pazientemente mi sopportava ogni sera o quasi. Quanto mi manchi...
Devo ringraziare a coloro che mi hanno sempre sostenuto e con qualche parola cara mi hanno fatto venire la voglia di reagire.
Ma voglio dedicarmi qualcosa io a me stessa un, pensiero, un augurio.
Mi auguro di avere sempre questo sorriso.  Quello che spontaneamente esplode sul mio viso quando mi accorgo che le piccole cose mi rendono felice, quello che prima di mostrarsi al mondo passa dal cuore.
Mi auguro di avere l’idea della vita, finalmente scrivere un libro. E tenerlo pronto e rilegato tra le mie mani, sfogliando e assaporando ogni pagina come se fosse un pezzo di me e del mio mondo.
Mi auguro di vivere sempre di emozioni. Lo stomaco che si contorce, un nodo alla gola, un colpo al cuore, la testa tra le nuvole. Perché niente mi sazia più dei segnali dell’anima.
 Mi auguro di non perdere mai il mio spirito di iniziativa, la mia voglia di combattere.  Una sorpresa per chi se la merita ma non se l’aspetta, nuove idee, progetti, nuovi viaggi.   
Mi auguro di ricordarmi di mettere me stessa al primo posto, perché volersi bene è la pozione della serenità e la mia dignità non la lascerei calpestare mai. 
Mi auguro di avere coraggio e di non perderlo, di avere sempre uno stimolo per andare avanti senza fermarmi in questa vita mera e, a volte oscurata da nubi spesse.   
Mi auguro di trasformare le foto nella mia personalissima macchina del tempo. Guardarle, sorridere, riviverle.
Mi auguro di avere tempo. Per leggere un libro mentre fuori piove e io mi rifugio sotto le coperte da solo, ascoltando un buon pezzo di musica che mi ricorda mio padre...chiudere gli occhi e diventare spettatore del mio passato, e protagonista del mio presente.
Mi auguro di potermi concedere una birra con le mie amiche di sempre e con loro, immergerci nel nostro mare toscano come i vecchi tempi che  spesso sogniamo insieme 
Mi auguro di trovare sempre la Felicità. In un abbraccio, in due occhi che mi guardano e brillano, in un messaggio, in una frase, in un ricordo improvviso, in una sorpresa. 
Mi auguro di non rimanere mai da sola ma come dice Bukowski:
“Ci sono migliaia di cose peggiori che stare soli e quasi sempre ce ne rendiamo conto troppo tardi, quando non vi è più rimedio. Per questo motivo, bisogna approfittarne ora, conoscersi, uscire e divertirsi, fare pazzie, ridere, piangere, sentire e amare.”
E infine, mi auguro di trovare un lavoro serio, che mi possa permettere, di vivere dignitosamente, con la mia fiducia in me stessa e la mia vecchia gioia di vivere. 
Grazie.

Addio depressione, addio, io inizio di nuovo a vivere anche se a volte l’ansia ritorna.

Nessun commento:

Posta un commento

IL CINGHIALE più buono della TOSCANA: dove mangiarlo?

ECCOCI QUI con un altra GUIDA UTILE per consigliarvi degli ottimi ristoranti in TOSCANA dove mangiare il cinghiale in tutti i suoi modi, dal...

Translate